Viaggio in Umbria: la mia esperienza nella regione ombrosa

Ho deciso di fare un viaggio in Umbria perché ho notato come questa regione potesse offrire tutto ciò di cui necessito per avere un’esperienza di viaggio indimenticabile. La piccola regione del centro Italia possiede una natura rigogliosa e decisamente generosa ed una storia che le permette di offrire il massimo a coloro che amano esplorare ma non disdegnano la buona cucina e l’arte.

Il mio viaggio in Umbria: tra arte e natura incontaminata

Per il mio viaggio in Umbria ho pensato bene di prendere quante più informazioni possibile perché la sua generosa natura le permette di offrire delle ottime opportunità a coloro che amano vivere all’aria aperta con i propri cani. Sicuramente sceglierò di soggiornare in Umbria perché ho intenzione di rimanere in questa regione per molti giorni.

Ebbene sì, la mia filosofia è viaggiare leggero ma in compagnia dei miei due amici, o per meglio dire amiche a quattro zampe. Visto che ho preventivato di fare lunghe scarpinate in campagna e nei boschi dovrò andare dai miei veterinari per farle fare una completa profilassi, sia per i parassiti intestinali sia per quelli cardio-polmonari sia per la leishmaniosi.Non bisogna mai dimenticare, prima di partire, di portare il proprio quadrupede dal proprio veterinario di fiducia in modo che possa procedere con la profilassi. Quindi, dopo aver protetto i miei cani, preparo me stesso al viaggio, vi mostro il libro arancione e la lista delle cose da fare prima di partire:

  •  prendere i dispositivi elettronici: la mia macchina fotografica con obiettivo,bottigliette d’acqua con sali minerali, smartphone e computer.
  •  scegliere gli abiti più appropriati: io sono una persona che preferisce la comodità all’eleganza e per questa mia “spedizione” quindi tute e scarpe da camminata per quando farò le mie escursioni. Naturalmente conto anche di visitare le città quindi qualche camicia e jeans per essere pronto a gustare l’arte e le prelibatezze della città;
  •  accessori per i cani: giocattoli, premi come biscotti e spuntini masticabili, crocchette, borraccia per cani e ciotola portabile. Un altro elemento che non manca mai nel mio zaino è l’acqua ossigenata al 5% in modo da poter offrire un primo intervento in caso di avvelenamento.

Cosa ho messo nel mio zaino per il viaggio in Umbria?

Ho deciso di inserire questi prodotti perché possono essere molto utili per noi che abbiamo deciso di esplorare luoghi abbastanza incontaminati nella natura.

5 parchi naturali che ho deciso di visitare nel mio viaggio in Umbria

L’Umbria è per antonomasia la regione in Italia perfetta per vivere una bellissima esperienza a contatto con la natura. Sono presenti numerosi parchi naturali ma purtroppo non avendo molto tempo ho dovuto selezionare i parchi andandone a scegliere solo sei. È importante non strafare altrimenti si rischia di non godere completamente di una regione che invece merita molto. Per questa prima parte del viaggio ho deciso di prendere un bungalow in un agriturismo ma alla fine mi è servito solo come punto di appoggio perché i pasti ed i riposini li ho dovuti fare lì sul luogo per non perdere troppo tempo. Vi posso assicurare che se venite qui avrete la sensazione di avere una vera e propria connessione con la Natura. Comprenderete che lei ci ha dato la vita e ci offre cose eccezionali ma che esige rispetto. Ho quindi effettuato la mia scelta:

Parco Naturale dei Monti Sibillini

Monti Sibillini

Sicuramente non sono un alpinista e, un poco me ne vergogno, ho la paura del vuoto quindi raramente mi vedrete alle prese con le scalate anche perché avendo come compagne di viaggio le mie cagnoline rischierei di metterle in pericolo e ciò non potrei mai tollerarlo. La maestosità di queste montagne è probabilmente ancora più bella ammirandole dal basso verso l’alto. Nel nostro primo giorno di viaggio ho deciso di scoprire la bellezza dei Monti Sibillini in modo da riuscire a vivere un’esperienza magnifica. Nello specifico ho optato per la Cima del Redentore, lo so che c’è una grandissima selezione di luoghi d’interesse ma ho scelto quello che potesse unire al meglio le mie esigenze con quelle dei miei cani. Piacendomi le zone di confine non potevo che scegliere questa montagna visto che si trova perfettamente al confine tra l’Umbria e le Marche. Abbiamo quindi esplorato le ampie vallate che ci hanno permesso di visitare bene le valli di questo luogo da favola. Dopo aver bevuto e mangiato a sazietà decido di usare una delle tante vie di risalita. Sinceramente, volendo vedere il Lago di Pilato, optiamo per quella che porta dalla Foce di Montemonaco va verso sud. Questo lago è molto interessante perché conserva un ambiente incontaminato cosa che io amo e che cerco dalle mie escursioni.

Parco Fluviale del Tevere

Dopo i Monti Sibillini ho deciso di visitare il Parco Fluviale del Tevere che permette di offrire delle interessanti opportunità e scoprire un mondo eccezionale dove la natura è rimasta incontaminata con specie animali difficilmente ammirabili in altre zone. In questo parco non posso fermarmi troppo nonostante la sua bellezza perché ho deciso di non portare i cani per non disturbare gli uccelli e gli altri animali.

Parco del Lago Trasimeno

viaggio in Umbria

Naturalmente per me questo è uno dei parchi più importanti perché posso con i miei cani andare a vedere il bellissimo lago Trasimento, uno dei più bei posti del mondo. Una volta arrivati qui la pace ci pervade perché tutti gli elementi sono perfetti per rilassarsi. Certo le mie cagnoline non mi permettono di abbandonarmi alla pace che l’ambiente circostante ci offre. Il lago è davvero molto bello e grande e quando soffia un poco di vento le increspature dell’acqua ci permette di vedere gli animali che proliferano nelle sue acque.

Parco Regionale di Colfiorito

viaggio in Umbria

E’ consigliabile vedere questo parco ammirando le bellissime ninfee bianche che quando sono in fiore riescono ad offrire un fantastico colpo d’occhio. Ma nel complesso tra specie palustri e lacustri vi sono moltissime piante molto interessanti. Non sono rimasto molto nella parte “umida” del parco quindi ci siamo spostati verso il bosco di caducifoglie. Abbiamo quindi visto vari esemplari di carpino nero e di acero d’Ungheria. Naturalmente ho preso qualche foglia perché le essicco e le conservo. Dopo un’oretta ce ne siamo andati per non disturbare troppo la fauna del luogo.

Cascate Le Ferce

Viaggio in Umbria

Si parla spesso delle cascate straniere ma appena viste queste mi sono chiesto perché non valorizziamo di più i nostri stupendi tesori. Questo sistema di cascate è davvero entusiasmante con questo interessante flusso d’acqua che passa e porta via tutto. Naturalmente la loro bellezza incontaminata riesce ad offrire una grande opportunità di fare una scoperta meravigliosa. Ho voluto, facendo attenzione ai cani, sciacquarmi la faccia e vi posso assicurare che è una sensazione davvero indimenticabile. Mi sono tolto le scarpe e le calze e sedendomi sulla riva ho messo i piedi nell’acqua, una sensazione davvero ritemprante.

Perugia, Foligno e Terni: il mio viaggio in Umbria alla scoperta della sua bellissima arte

Il mio viaggio si sposta dalla natura all’arte e l’Umbria, grazie alla sua storia, è la perfetta regione per rimanere affascinato dalle sue bellissime opere d’arte. Si deve quindi tenere presente che vi sono una serie di città molto importanti che devono essere assolutamente visitate. Ho deciso di parlare non tanto delle città che comunque meritano tantissimo. Attenzione non vi sono fotografie dell’interno delle chiese perché per rispetto al luogo e per non rischiare di creare danni col flash, non si sa mai, ho deciso di non effettuare fotografie.

Basilica di San Francesco di Assisi

Viaggio in Umbria
Una tra le basiliche più importanti non solo dell’Italia ma del mondo per la sua grandissima importanza non solo per il suo significato ma anche per la sua bellezza. Purtroppo è stata rimaneggiata molto dopo il terremoto del 1997. La sua bellezza e maestosità rimane intatta tenendo presente che una parte degli affreschi non sono più presenti. Rappresenta comunque un ottimo esempio dell’architettura gotica medievale. Dopo la chiesa superiore che è quella più conosciuta sono andato in quella inferiore. In questo caso gli affreschi del tredicesimo secolo sono quelli originali. In questo caso, dopo aver ripreso le mie cagnoline dal pet sitter, ho mangiato un ottimo piatto di fagioline del Trasimeno, un pasto completo ed energetico senza la paura di appesantirsi troppo.

Non basterebbe un anno per visitare bene Perugia ma le vacanze stanno terminando

viaggio in Umbria

Città culturale e molto affascinante, Perugia è una meta molto appropriata se si vuole passare una vacanza in pace visitando alcuni tra i luoghi più belli d’Italia. Quindi una volta arrivati nel capoluogo umbro siamo andati subito in piazza IV Novembre dove abbiamo visto il bellissimo Palazzo dei Priori con la

 

sua magnifica Fontana Maggiore. Non mi vergogno a dire che abbiamo passato molto tempo a vedere questa bellissima piazza anche perché, come potete vedere dalla foto vi sono una serie di interessanti fregi che possono essere davvero eccezionali tenendo presente che vi sono

Viaggio in Umbria

 

Dopo esserci riposati nel nostro BnB, dove ho fatto la foto della bellissima Basilica di San Domenico che riesce ad essere un monumento molto interessante al cuni interno vi sono tra le altre cose l’ Altare della Madonna del Voto ed il monumento funebre dedicato a Benedetto XI.

Nel viaggio in Umbria Foligno e Terni rappresentano due città da vedere assolutamente

Purtroppo il viaggio in Umbria sta per concludersi ma non potevo assolutamente non visitare Foligno e Terni perché rappresentano due città molto belle ed interessanti. Sono andato prima di tutto a Foligno ed io e le mie cagnoline abbiamo visto una grande opportunità per vedere la Cattedrale di San Feliciano con gli esterni fantastici con un rosone romanico sovrastato da un mosaico con Cristo attorniato da San Feliciano e Santa Messalina. Nella parte interna invece è

formata da ben quattro altari composti in questo modo:

  • Altare della Madonna: il primo a destra di Enrico Bartolomei;
  • Altare del Battesimo di Cristo: il primo a sinistra;
  • Altare della Sacra Famiglia: il secondo a sinista di Giovanni Andrea Lazzarini;
  • Altare di San Feliciano: di Gaetano Gandolfi.

Nel braccio sinistro è presente un bellissimo affresco cinquecentesco di Vespasiano Strada mentre la bellissima cupola cassettonata con lanterna. Prima di tornare a casa andiamo a visitare Terni perché anche questa città è davvero molto bella.

viaggio in Umbria

La Chiesa di San Francesco fu edificata intorno al tredicesimo secolo nel luogo in cui si tramanda che avesse vissuto San Francesco. Al suo interno vi sono una serie di affreschi molto importanti dello stesso periodo. Sicuramente da vedere anche se potrebbe sembrare una struttura secondaria.

Il mio viaggio in Umbria: le conclusioni

Sicuramente quello in Umbria è stata una bellissima avventura che sicuramente rifarò perché certamente questa regione nasconde una serie di interessanti opportunità per ritemprarsi, conoscere e divertirsi: assolutamente consigliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *