Viaggio in Gibilterra: la terra di mezzo

Perché fare un viaggio in Gibilterra?

Ho deciso di intraprendere il mio viaggio in Gibilterra perché, sebbene poco conosciuta, merita davvero molto grazie alla sua conformazione geografica. Scoprire Gibilterra per me significa poter scoprire tutti i luoghi di questa piccola penisola contesa tra Spagna ed Inghilterra.

Viaggio in Gibilterra: un bellissimo angolo di Europa

Potrebbe sembrare strano ma il nostro continente nasconde piccoli tesori ancora poco conosciuti. Tra gli scopi dei miei viaggi c’è anche quello di scoprire aree abbastanza sconosciute tenendo presente che il nostro bel continente ha delle interessanti aree che non sono particolarmente conosciuti. Gibilterra ha avuto una storia abbastanza turbolenta come tutte le aree di confine visto che si vanno a scontrare culture estremamente differenti tra loro. La ricetta per cucinare la Gibilterra prevede tre ingredienti principali: la Spagna. l’Inghilterra ed il mondo arabo e tutte queste culture, molto caratterizzanti, hanno lasciato qualcosa di loro creando una città davvero molto interessante. Come vedremo tra poco, chi decide di passare da questo bellissimo luogo sicuramente non avrà modo di annoiarsi perché vi sono una serie di interessanti elementi sia per la fauna e la flora sia per le strutture della città. Si parla di una terra in grado di offrire in pochissimo spazio sia la montagna sia il mare e ciò significa che è possibile andare la mattina a fare il bagno mentre nel pomeriggio fare una bella escursione in montagna. La città è molto gradevole sia per il centro, dove si può fare la colazione in un bellissimo locale del luogo oppure fare una passeggiata sul suggestivo lungomare. Mi aspetto davvero molto per questo piccolo lembo di terra ad un passo dalle colonne di Ercole. Questa volta potrò portare con me i miei cani al contrario di ciò che feci durante il mio bellissimo viaggio in Brunei, ho ancora dei bellissimi ricordi di quel viaggio. Questa volta nel mio libro arancione non metterò molto perché ho intenzione di viaggiare abbastanza leggero perché rimarrò solo pochi giorni in questa zona perché ho degli impegni impellenti da risolvere. Ho deciso di viaggiare leggero perché saranno pochi giorni quindi cercherò di viaggiare leggero. Al contrario del Brunei questa volta porterò i miei cani per vivere con loro questa bellissima emozione. Come al solito apriamo il mio libro arancione e vediamo cosa mi porterò nello zaino questa volta:

  • un libro non può mai mancare;
  • userò la fotocamera usata nel viaggio in Brunei;
  • scarpe leggere da ginnastica perché d’estate il sole batte forte;
  • una microSD da 128 GB per le mie fotografie;
  • ciotole da viaggio per cani;
  • biscotti per cani.

Cosa si trova nel mio zaino?

Molto più simile al viaggio in Umbria è questa volta lo zaino anche se è decisamente meno pieno rispetto a quello del Brunei. In questo caso siamo in Europa e la situazione è davvero differente questa volta.

Un viaggio dall’Italia in Spagna per arrivare nel Regno Unito, c’è qualcosa che non torna?

La strada non ci spaventa ed abbiamo deciso di arrivare in questa piccola enclave inglese da sempre conosciuta e nell’antichità decisamente temuta. Si parla infatti del confine della terra che nessuno aveva l’ardire di superare. Questa è una terra di moltissime culture ed identità che hanno reso questa piccola penisola un luogo davvero da vedere ed amare. Ho deciso di parlare dei miei viaggi proprio perché scoprire il mondo, anche le aree meno conosciute ma che possono offrire degli ottimi risultati in termini di divertimento. Si entra in Gibilterra dalla strada principale intitolata a Winston Churchill dalla quale è possibile esplorare tutta la città.

Una cosa molto interessante riguardo questa città è che sono presenti molte scimmie cosa che potrebbe essere interessante, non fosse altro per la novità, ma che possono essere anche molto fastidiose perché  sono estremamente invadenti. I macachi di Barberia sono l’unico tipo di scimmia originario dell’Europa. In questa penisola vivono circa duecento esemplari ma questa razza è stata inserita nella lista rossa di quelle che sono maggiormente a rischio estinzione. Se deciderete di passare del tempo in questo splendido posto non disturbatele.

Viaggio in Gibilterra: 5 elementi che possono essere considerati molto attrattivi

 

La Rocca di Gibilterra

Ho deciso di portare le mie cagnoline nella bellissima rocca di Gibilterra, sicuramente una meta da non perdere, per molti motivi. In primo luogo è necessario tenere presente che qui si è fatta la storia con la sua presa, nel diciottesimo secolo fu persa dalla Spagna in seguito alla guerra di successione spagnola. Gli Spagnoli cercarono di riprendere la città in due occasioni ma senza fortuna. La cosa stupenda è che si ha una vista eccezionale da qui.

La Moschea

Abbiamo visto la moschea solo dall’esterno perché essendo un luogo di culto, qualsiasi religione sia, è necessario portare il massimo rispetto. Non volevo lasciare le mie fedeli cagnoline quindi abbiamo fatto una passeggiata. Si nota subito che si sta parlando di un monumento di recente costruzione essendo stata edificata nel 1997 e finanziata dal re dell’Arabia Saudita, Fahid.

L’ultimo giorno del mio viaggio in Gibilterra lo passeremo immersi nella natura

viaggio in Gibilterra

Amo la natura ed a quanto pare anche le mie cagnoline quindi decidiamo di rendere speciale questa giornata che sicuramente non deve essere sprecata. Naturalmente ci rechiamo di nuovo sulla Rocca per due motivi:

  • c’è il più importante parco naturale di Gibilterra dove per altro è possibile trovare il bellissimo fiore, che è ritratto nella fotografia sopra, Iberis gibraltarica;
  • dall’alto è possibile vedere la sua stupenda costa.

La costa di Gibilterra è davvero eccezionale con il mare cristallino e la spiaggia fine e davvero molto bella con una

grande voglia di fare un bellissimo bagno ma ormai il tempo è quasi finito quindi non possiamo fare molto.

Cosa ne penso del mio viaggio in Gibilterra?

Il viaggio in Gibilterra è stato davvero molto bello anche se si deve tenere presente che non è certamente una meta molto conosciuta anche se si deve tenere presente che vi sono una serie di interessanti opportunità per conoscere un luogo fantastico a due passi tra la Spagna ed il Marocco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *